ORIENTE OCCIDENTE

OPERA APERTA FRA ORIENTE E OCCIDENTE – 2010

Assemblaggio di fregi e caratteri tipografici di legno, pietre dure, cliché di zinco, bronzo e frammenti antichi Assemblage of wooden type friezes and characters, semi-precious stones, zinc cliché, bronze and ancient fragments - cm 240 x 220

ORIENTE OCCIDENTE – 2007

Assemblaggio di fregi e caratteri tipografici di legno, cliché di zinco, foglia oro e argento

Assemblage of wooden type friezes and characters, zinc cliché, gold leaf and silver

cm 140 x 100

Guardava egli le sue collezioni con meraviglia, vi trovava quel residuo di poesia che solo l’umanità moderna lascia negli oggetti che abbandona prima d’averli consumati per intero. E il residuo fece scattare la sua di poesia. Visiva. Combinando le lettere, con senso e controsenso, in base al significato semiotico o alla valenza semantica, guardandone la forma, la leggerezza o la potenza grafica, ne fece oggetti dove la qualità visiva attuale lasciava trasparire il mistero vasto e combinatorio del mercante fenicio, del filosofo greco, del lapicida epigrafico romano, dello stampatore umanista e del grafico da manifesto dada, tutti insieme.

He looked at his collections with awe, he found that leftover of poetry, which only modern humanity leaves in the objects it abandons before using them in full. And the leftover released his poetry. Visual poetry. Combining the letters, with sense and nonsense, according to their semiotic meaning or their semantic value, looking at their shape, lightness or graphic force, he made them into objects where the current visual quality let come through the extensive and combining mystery of the Phoenician trader, the Greek philosopher, the Roman ornamental mason, the humanist printer and the engraver of the Dada Manifesto, all together.


Philippe Daverio, Tutto torna a posto


Questo sito web fa uso di cookies. Si prega di consultare la nostra informativa sulla privacy per i dettagli.

OK